La Nascita della Computer Art

L'Arte Digitale

L'arte digitale nasce negli Stati Uniti degli anni Cinquanta, epoca nella quale il computer si affaccia all'attenzione del grande pubblico.

Navigare Facile

Per rendere immediatamente l'idea di come il mondo dell'arte di metà Novecento stesse sperimentando una vera e propria rivoluzione è sufficiente ricordare che i padri della computer art sono due programmatori! Ben Laposky e Manfred Frank operavano, infatti, tra algoritmi e sistema binario, ambienti distanti anni luce dalle botteghe di artigiani nelle quali si sono formati i maestri della scultura e dalle accademie che hanno sfornato i grandi pittori del passato.

In effetti per l'arte grafica non occorrono pennelli, colori, o blocchi di marmo, quanto piuttosto computer efficienti, in grado di elaborare le immagini per creare un nuovo capolavoro.

Food

Nel 1950 il mago statunitense del computer Ben Laposky creò una funzione matematica ed operò con un oscillogramma per generare delle distorsioni che, modificando l'originaria opera d'arte, ne ha creata una nuova, nuova in tutti i sensi.

Il richiamo alle idee del dadaismo, movimento nato a Zurigo nel 1916, è immediato. Pensiamo a Marcel Duchamp che nel 1919 ha disegnato i baffi sulla Monna Lisa di Leonardo ed immaginiamo la stessa operazione realizzata grazie al mouse e a programmi di ritocco, tanto popolari ed innovativi ancora oggi.

La computer art in questa maniera ha modificato radicalmente il concetto stesso di opera quale creazione originaria di un'artista, baciato dall'ispirazione e dal talento personale. L'opera digitale nasce, infatti, in laboratorio, di sovente da una raffinata elaborazione di un capolavoro originale notissimo al grande pubblico che viene ricreato in maniera magistrale.